Una lunga notte, quella dedicata alla ricerca: il 26 settembre torna l’appuntamento con la Notte Europea dei Ricercatori promossa dalla Unione Europea per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di promuovere la scienza e lo sviluppo tecnologico. A festeggiare l’evento, molti Istituti della rete scientifica del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Identita-RicercaI ricercatori dell’Istituto di Tecnologie Biomediche di Bari celebrano la giornata con visite guidate e la demo Sveliamo l’identità della ricerca”.

Niente è più efficace per divulgare la scienza del “fare” con le proprie mani. Il 26 settembre apriranno le porte dei laboratori per una visita e una demo divertente e stimolante che prevede una fase sperimentale di estrazione del DNA dalla propria saliva.

L’obiettivo è di richiamare l’attenzione dei cittadini sul ruolo cruciale della ricerca scientifica e dei ricercatori per lo sviluppo sostenibile del nostro Paese.

Le attività sono rivolte a tutti, in modo particolare agli studenti di tutte le età. Le scuole avranno la possibilità di prenotare la loro visita in una fascia oraria riservata, dalle 11.30 alle 13.30.

A seguire, dalle 16.30 alle 22.30, l’ingresso ai laboratori sarà libero per tutti, bambini, ragazzi e adulti, per una visita guidata con i ricercatori del CNR che esporranno i temi di cui l’Istituto si occupa nell’ambito delle Scienze della Vita: dalle scienze omiche alla bioinformatica applicate alla biomedicina e all’ambiente.

Contatti

Dr Paolo Fuzio
E-mail: paolo.fuzio AT ba.itb.cnr DOT it — Tel: 080 5929684

Dr Elda Perlino
E-mail: elda.pelrino AT ba.itb.cnr DOT it — Tel: 080 5929690; cell: 3478781806

Dr Apollonia Tullo
E-mail: apollonia.tullo AT ba.itb.cnr DOT it — Tel: 080 5929672

Rassegna Stampa

URP, CNR: Una lunga notte di scienza →