Archivio Tag: CNRBiOmics

È indetta una pubblica selezione, per titoli e colloquio, per il conferimento di n° 1 assegno di ricerca della tipologia “assegno professionalizzante’ per lo svolgimento di attivita’ di ricerca di cui al progetto cir01_00017 – “CNRBiOmics centro nazionale di ricerca in bioinformatica per le scienze “omiche” – rafforzamento del capitale umano” da svolgersi presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari – Istituto di Tecnologie Biomediche (ITB), via Amendola, 122 – 70126 Bari.

L’assegno ha la seguente tematica di ricerca:

Sviluppo e implementazione di strumenti bioinformatici per analisi di dati Omici nell’ambito della realizzazione di un portale per l’accesso degli utenti ai servizi dell’infrastruttura ELIXIR.

sotto la responsabilità scientifica del Dott. Vito Flavio Licciulli e della Dott.ssa Arianna Consiglio.

Durata e importo dell’assegno

L’assegno di ricerca avrà una durata di 12 mesi rinnovabile fino a 19 mesi e, a seguito di eventuali rinnovi, non potrà comunque avere una durata complessiva superiore a sei anni, come risultante dal combinato disposto dell’art. 22, comma 3, della legge 240/2010 e dell’art. 6, comma 2 bis, della L. 27 febbraio 2015 n. 11, di conversione del D.L. 31 dicembre 2014 n. 192, ad esclusione del periodo in cui l’assegno è stato fruito in coincidenza con il dottorato di ricerca, nel limite massimo della durata legale del relativo corso.

L’importo dell’assegno di ricerca, corrisposto in rate mensili posticipate, è stabilito in euro 19.367,00 annui al netto degli oneri a carico del CNR.

L’importo non comprende l’eventuale trattamento economico per missioni in Italia o all’estero che si rendessero necessarie per l’espletamento delle attività connesse all’assegno di ricerca. Il trattamento economico di missione è determinato nella misura corrispondente a quella spettante ai dipendenti del CNR inquadrati al III livello professionale.

L’assegnista è coperto da una polizza infortuni cumulativa sottoscritta dal CNR.

Il contraente svolge l’attività in condizione di autonomia, nei limiti del programma predisposto dal responsabile della ricerca, senza orario di lavoro predeterminato.

Documentazione del bando

È richiesta la titolarità di diploma di laurea (ante D.M. 509/99) o laurea specialistica (D.M. 509/99), o laurea magistrale (D.M. 270/04) in: Matematica (LM40), Fisica (LM17), Informatica o Scienze dell’Informazione (LM18), Ingegneria Informatica (LM32), Ingegneria Elettronica (LM29), Biotecnologie Industriali (LM08), Biologia (LM06), Biotecnologie Mediche (LM09), Chimica e Tecnologie Farmaceutiche (LM13) e di curriculum professionale idoneo allo svolgimento di attività di ricerca, così come dettagliata nell’Allegato B.

La domanda di partecipazione redatta esclusivamente utilizzando il modulo (allegato A), dovrà essere inviata all’Istituto di Tecnologie Biomediche presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) da un account personale del candidato al seguente indirizzo: protocollo.itb@pec.cnr.it entro il 26/08/2022 ore 16.00.

I restanti requisiti necessari per partecipare alla selezione, nonché le modalità di partecipazione e tutti gli altri dettagli e allegati sono esposti nel seguente documento ufficiale del bando:

È indetta una pubblica selezione, per titoli e colloquio, per il conferimento di n° 1 assegno di ricerca della tipologia “assegno professionalizzante’ per lo svolgimento di attivita’ di ricerca di cui al progetto cir01_00017 – “CNRBiOmics centro nazionale di ricerca in bioinformatica per le scienze “omiche” – rafforzamento del capitale umano” da svolgersi presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari – Istituto di Tecnologie Biomediche (ITB), via Amendola, 122 – 70126 Bari.

L’assegno ha la seguente tematica di ricerca:

Promozione delle reti di collaborazione per la valorizzazione dell’Infrastruttura di ricerca ELIXIR-IT potenziata attraverso il progetto CNRBiOmics.

La figura professionale che si richiede dovrà occuparsi della comunicazione della realizzazione del Centro di Eccellenza, delle potenzialità e dei servizi che è in grado di offrire in diversi ambiti applicativi quali: biomedico, farmaceutico, biotecnologico, agroalimentare, ambientale, alle numerose istituzioni (Centri di ricerca – Distretti tecnologici – Aziende biotech) che già collaborano con i proponenti e utilizzano i servizi e le facilities di ELIXIR-IT e estendendo la platea di stakeholders a IRCCS, Aziende ospedaliere e Imprese operanti nel campo delle Biotecnologie in ambito regionale, nazionale e internazionale.

Sarà inoltre di supporto al coordinatore del progetto per l’organizzazione di eventi, convegni e realizzazione del materiale (brochure, redazionali) utile alla divulgazione.

sotto la responsabilità scientifica della Dott.ssa Elisabetta Sbisà.

Durata e importo dell’assegno

L’assegno di ricerca avrà una durata di 12 mesi rinnovabile fino a 24 mesi e, a seguito di eventuali rinnovi, non potrà comunque avere una durata complessiva superiore a sei anni, come risultante dal combinato disposto dell’art. 22, comma 3, della legge 240/2010 e dell’art. 6, comma 2 bis, della L. 27 febbraio 2015 n. 11, di conversione del D.L. 31 dicembre 2014 n. 192, ad esclusione del periodo in cui l’assegno è stato fruito in coincidenza con il dottorato di ricerca, nel limite massimo della durata legale del relativo corso.

L’importo dell’assegno di ricerca, corrisposto in rate mensili posticipate, è stabilito in euro 19.367,00 annui al netto degli oneri a carico del CNR.

L’importo non comprende l’eventuale trattamento economico per missioni in Italia o all’estero che si rendessero necessarie per l’espletamento delle attività connesse all’assegno di ricerca. Il trattamento economico di missione è determinato nella misura corrispondente a quella spettante ai dipendenti del CNR inquadrati al III livello professionale.

L’assegnista è coperto da una polizza infortuni cumulativa sottoscritta dal CNR.

Il contraente svolge l’attività in condizione di autonomia, nei limiti del programma predisposto dal responsabile della ricerca, senza orario di lavoro predeterminato.

Documentazione del bando

È richiesta la titolarità di di diploma di laurea (ante D.M. 509/99) o laurea specialistica (D.M. 509/99), o laurea magistrale (D.M. 270/04) in: Scienze Biologiche (LM06), Biotecnologie (LM09), Biologia Ambientale (LM06), Biologia Cellulare e Molecolare (LM06), Scienze Biosanitarie (LM06), Scienze della Natura e dell’Ambiente (LM60, LM75), Scienze della Nutrizione per la Salute Umana (LM61), Biotecnologie Industriali ed Ambientali (LM08), Biotecnologie Mediche e Medicina Molecolare (LM09), Biotecnologie per la Qualità e La Sicurezza dell’Alimentazione (LM07), Scienze Chimiche (LM54), Chimica e Tecnologie Farmaceutiche (LM13) e di curriculum professionale idoneo allo svolgimento di attività di ricerca, così come dettagliata nell’Allegato B.

La domanda di partecipazione redatta esclusivamente utilizzando il modulo (allegato A), dovrà essere inviata all’Istituto di Tecnologie Biomediche presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) da un account personale del candidato al seguente indirizzo: protocollo.itb@pec.cnr.it entro il 21/08/2022 ore 16.00.

I restanti requisiti necessari per partecipare alla selezione, nonché le modalità di partecipazione e tutti gli altri dettagli e allegati sono esposti nel seguente documento ufficiale del bando:

È indetta una pubblica selezione, per titoli e colloquio, per il conferimento di n° 1 assegno di ricerca della tipologia “assegno professionalizzante’ per lo svolgimento di attivita’ di ricerca di cui al progetto cir01_00017 – “CNRBiOmics centro nazionale di ricerca in bioinformatica per le scienze “omiche” – rafforzamento del capitale umano” da svolgersi presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari – Istituto di Tecnologie Biomediche (ITB), via Amendola, 122 – 70126 Bari.

L’assegno ha la seguente tematica di ricerca:

Validazione dei dati di trascrittomica con tecnologia Real Time. I

l progetto CNRBiOmics ha previsto l’acquisizione delle piattaforme più avanzate di sequenziamento massivo di acidi nucleici con piattaforme di seconda e terza generazione, presenti sul mercato per la produzione di dati genomici e trascrittomici, con caratteristiche uniche e complementari tra di loro.
Al fine di validare i dati trascrittomici ottenuti con le piattaforme di sequenziamento massivo è stata prevista anche l’acquisizione di una piattaforma di Real Time PCR ad altissima processività e prestazioni in grado di analizzare l’espressione genica di un numero considerevole di campioni estratti da diverse matrici biologiche; utilizzare volumi ridotti di reazione; analizzare un numero considerevole di target.

L’attività di ricerca del candidato sarà orientata alla valorizzazione delle potenzialità applicative della piattaforma sopra descritta.

sotto la responsabilità scientifica della Dott.ssa Elisabetta Sbisà e della Dott.ssa Maria Liguori.

Durata e importo dell’assegno

L’assegno di ricerca avrà una durata di 12 mesi rinnovabile fino a 24 mesi e, a seguito di eventuali rinnovi, non potrà comunque avere una durata complessiva superiore a sei anni, come risultante dal combinato disposto dell’art. 22, comma 3, della legge 240/2010 e dell’art. 6, comma 2 bis, della L. 27 febbraio 2015 n. 11, di conversione del D.L. 31 dicembre 2014 n. 192, ad esclusione del periodo in cui l’assegno è stato fruito in coincidenza con il dottorato di ricerca, nel limite massimo della durata legale del relativo corso.

L’importo dell’assegno di ricerca, corrisposto in rate mensili posticipate, è stabilito in euro 19.367,00 annui al netto degli oneri a carico del CNR.

L’importo non comprende l’eventuale trattamento economico per missioni in Italia o all’estero che si rendessero necessarie per l’espletamento delle attività connesse all’assegno di ricerca. Il trattamento economico di missione è determinato nella misura corrispondente a quella spettante ai dipendenti del CNR inquadrati al III livello professionale.

L’assegnista è coperto da una polizza infortuni cumulativa sottoscritta dal CNR.

Il contraente svolge l’attività in condizione di autonomia, nei limiti del programma predisposto dal responsabile della ricerca, senza orario di lavoro predeterminato.

Documentazione del bando

È richiesta la titolarità di diploma di laurea (ante D.M. 509/99) o laurea specialistica (D.M. 509/99), o laurea magistrale (D.M. 270/04) in: Biologia (LM06), Biotecnologie Mediche, Veterinarie e Farmaceutiche (LM09) e di curriculum professionale idoneo allo svolgimento di attività di ricerca, così come dettagliata nell’Allegato B.

La domanda di partecipazione redatta esclusivamente utilizzando il modulo (allegato A), dovrà essere inviata all’Istituto di Tecnologie Biomediche presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) da un account personale del candidato al seguente indirizzo: protocollo.itb@pec.cnr.it entro il 20/07/2022 ore 16.00.

I restanti requisiti necessari per partecipare alla selezione, nonché le modalità di partecipazione e tutti gli altri dettagli e allegati sono esposti nel seguente documento ufficiale del bando:

É indetta una selezione pubblica, per titoli e colloquio, per il conferimento di n. 1 Tipologia di Assegno: “Assegni Professionalizzanti” per lo svolgimento di attività di ricerca inerenti l’Area Scientifica “Scienze Biomediche” da svolgersi presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari – Istituto di Tecnologie Biomediche (ITB), via Amendola, 122 – 70126 Bari sulla seguente tematica di ricerca: 

Installazione, configurazione e mantenimento di una infrastruttura cloud, basata su Open Stack, e HPC in ambito bioinformatico. Sviluppo, ottimizzazione e supporto dell’Infrastruttura federata per servizi di Cloud Computing e calcolo ad alte prestazioni (HPC). L’attività riguarderà in particolare la progettazione, realizzazione e gestione di sistemi di sharing delle risorse di calcolo e di accodamento dei lavori utente sia con sistemi batch tradizionali che con tecnologie di virtualizzazione/cloud e orchestratori nell’ambito del Progetto CIR01_00017 – “CNRBiOmics – Centro Nazionale di Ricerca in Bioinformatica per le Scienze “Omiche” 

sotto la responsabilità scientifica del dott. Licciulli Vito Flavio.

Durata e importo dell’assegno

L’assegno di ricerca avrà una durata di 12 mesi rinnovabile fino a 24 mesi e, a seguito di eventuali rinnovi, non potrà comunque avere una durata complessiva superiore a sei anni, come risultante dal combinato disposto dell’art. 22, comma 3, della legge 240/2010 e dell’art. 6, comma 2 bis, della L. 27 febbraio 2015 n. 11, di conversione del D.L. 31 dicembre 2014 n. 192, ad esclusione del periodo in cui l’assegno è stato fruito in coincidenza con il dottorato di ricerca, nel limite massimo della durata legale del relativo corso.

L’importo dell’assegno di ricerca, corrisposto in rate mensili posticipate, è stabilito in euro 19.367,00 annui al netto degli oneri a carico del CNR.
L’importo non comprende l’eventuale trattamento economico per missioni in Italia o all’estero che si rendessero necessarie per l’espletamento delle attività connesse all’assegno di ricerca. Il trattamento economico di missione è determinato nella misura corrispondente a quella spettante ai dipendenti del CNR inquadrati al III livello professionale.
L’assegnista è coperto da una polizza infortuni cumulativa sottoscritta dal CNR.
Il contraente svolge l’attività in condizione di autonomia, nei limiti del programma predisposto dal responsabile della ricerca, senza orario di lavoro predeterminato.

Requisiti per l’ammissione alla selezione

Premesso che per la tipologia “Assegno di ricerca grant” si farà riferimento ai requisiti peculiari di cui agli specifici programmi di ricerca, possono partecipare alla selezione i soggetti che, a prescindere dalla cittadinanza, siano in possesso dei seguenti requisiti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione:

  1. Laurea vecchio ordinamento in Informatica, Ingegneria Informatica, Scienze dell’Informazione, Ingegneria Elettronica, Ingegneria delle Telecomunicazioni, Fisica, Matematica o delle lauree specialistiche o magistrali in tutte le classi equiparate ai sensi del Decreto Interministeriale 9 luglio 2009 o analogo titolo di studio estero.essere titolari di diploma di laurea (ante D.M. 509/99) o laurea specialistica (D.M. 509/99), o laurea magistrale (D.M. 270/04) in: Matematica (LM40), Fisica (LM17), Informatica (LM18), Scienze dell’Informazione, Ingegneria Informatica (LM32), Ingegneria Elettronica (LM29), Ingegneria Biomedica (LM21), Biotecnologie Industriali (LM08), Biologia (LM06), Biotecnologie Mediche (LM09), Tecnologie Farmaceutiche, di curriculum professionale idoneo allo svolgimento di attività di ricerca, così come dettagliata nell’Allegato B;
    tutti i titoli conseguiti all’estero (laurea, dottorato ed eventuali altri titoli) dovranno essere, di norma, preventivamente riconosciuti in Italia secondo la legislazione vigente in materia (informazioni sul sito del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica: www.miur.it).
    L’equivalenza dei predetti titoli conseguiti all’estero che non siano già stati riconosciuti in Italia con la prevista procedura formale predetta, verrà valutata, unicamente ai fini dell’ammissione del candidato alla presenteselezione, dalla commissione giudicatrice costituita ai sensi dell’art. 6, comma 1 del Disciplinare;
  2. conoscenze/competenze specialistiche possedute e rilevanti ai fini del conseguimento degli obiettivi che l’Infrastruttura di Ricerca intende conseguire. Il candidato dovrà possedere conoscenze / competenze in: GNU/Linux Operating System administration; principali linguaggi di programmazione per il calcolo scientifico su infrastrutture distribuite; principali strumenti per la realizzazione di infrastrutture cloud e ambienti virtuali, in particolare OpenStack; principali strumenti per High Performance Computing, quali sistemi di code e monitoraggio.
    Sono inoltre considerati titoli preferenziali l’aver maturato competenze e/o esperienze nell’ambito di: containerization management (es. Docker) e orchestrazione di containers (Docker, Swarm, Kubernetes); utilizzo di Source code repositories come Git, SVN; conoscenza di Networking, TCP-IP, Routing, Switching, Firewalls, Load balancers ed altri componenti infrastrutturali.
    Il candidato dovrà possedere esperienza documentata da pubblicazioni scientifiche, nelle qualificazioni richieste.
  3. attinenza dell’attività svolta negli ultimi 2 anni con le aree prioritarie individuate nell’ambito della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (SNSI) e della programmazione ministeriale per la ricerca nel periodo 2014-2020;
  4. pregresse collaborazioni con istituzioni scientifiche pubbliche e private;
  5. conoscenza della lingua inglese;
  6. conoscenza della lingua italiana (solo per i candidati stranieri)

L’assegno di ricerca non è cumulabile con altri assegni di ricerca e borse di studio.

Domande di ammissione e modalità per la presentazione

La domanda di partecipazione redatta esclusivamente utilizzando il modulo (allegato A), dovrà essere inviata all’Istituto di Tecnologie Biomediche presso l’Area di Ricerca del CNR di Bari esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) da un account personale del candidato al seguente indirizzo: protocollo.itb@pec.cnr.it entro il 20/05/2022 ore 16.00. Qualora il termine di presentazione delle domande venga a cadere in un giorno festivo, detto termine si intende protratto al primo giorno non festivo immediatamente seguente. Le domande inoltrate dopo il termine fissato e quelle che risultassero incomplete non verranno prese in considerazione. Nell’oggetto della mail dovrà essere indicato il riferimento all’avviso di selezione n° 01/2022/ITB/BA- CIR_CNRBIOMICS (Evitare di indicare caratteri speciali sia nell’oggetto della mail che nei nomi dei files pdf allegati alla stessa).

Le domande inviate per via telematica e le certificazioni ai sensi del DPR 445/2000, saranno considerate valide se l’autore è identificato dal sistema informatico attraverso le credenziali di accesso relative all’utenza personale di Posta Elettronica Certificata.

Solo per i Cittadini stranieri residenti all’estero oppure residenti in Italia ma non legittimati all’attivazione della PEC e per i Cittadini italiani residenti all’estero l’invio della domanda e delle dichiarazioni di cui al successivo comma 5, potrà essere effettuato con posta elettronica ordinaria (si faccia riferimento al PDF del bando allegato più sotto).

Alla domanda dovrà essere allegato in formato PDF il curriculum sottoforma di autocertificazione, compilato ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000 e s.m.i. (Allegato B), sottoscritto dal candidato recante, prima della firma autografa, l’espressa annotazione circa la consapevolezza delle sanzioni penali nelle quali il candidato incorre per dichiarazioni mendaci, accompagnato da copia di un documento di riconoscimento in corso di validità (art. 76 DPR445/2000).
Tale documento in originale, sottoscritto con firma leggibile, dovrà essere presentato per l’identificazione in occasione del colloquio di cui al successivo art. 7, non potrà essere presentato un documento diverso.

Alla domanda dovrà essere allegato in formato PDF il modulo (Allegato C), concernente l’informativa sul trattamento dei dati personali resa ai sensi del Regolamento (UE) n. 2016/679; il suddetto modulo dovrà essere compilato, datato e sottoscritto dal candidato con firma autografa leggibile.

Tutte le comunicazioni inerenti il presente concorso saranno inviate all’indirizzo PEC dei candidati, il CNR non assume responsabilità per eventuali disservizi di connessione della rete.

DOCUMENTAZIONE

Si prega di far riferimento alla documentazione allegata contenente tutte le informazioni e modalità di partecipazione e di esclusione relative al bando e all’incarico.